tierra de los andes marca registrada blanco terandes

Festa della Candelora

Home » Festividades del Perú » Festa della Candelora
Home » Festividades del Perú » Festa della Candelora
December 21, 2022
Tiempo de lectura: 5 minutos

Il Perù è noto per la sua ricchezza culturale, artistica e religiosa; questa volta ci spostiamo nella città di Puno, che si trova a più di 3200 metri di altitudine, per vivere una delle più belle feste del Perù, la festa della Virgen de la Candelaria, la patrona della capitale folcloristica del Perù e dell'America, che si celebra ogni anno nelle prime settimane di febbraio.

Questa grande festa della Candelaria non è stata l'eccezione a ricevere tale riconoscimento, assegnato dall'UNESCO come "Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità" nel 2014, un premio meritato per la sua diversità culturale transnazionale perché unisce due Paesi tra Bolivia e Perù e nel 2003 è stato dichiarato Patrimonio Culturale della Nazione.

Origine della festa della Candelaria Puno

Festividad De La Virgen De La Candelaria Puno
Festività della Vergine della Candelaria Puno

La Virgen de la Candelaria o Nostra Signora della Candelaria è un'invocazione mariana della religione cattolica che ha origine a Tenerife, in Spagna. La sua etimologia di candelero o candela si riferisce alla luce, che per la religione significa la luce santa che guida al buon cammino, alla redenzione e ravviva la fede in Dio.

Questa tradizione risale all'anno 496, quando fu introdotta da Papa Gelasio I come una delle feste vergini più antiche; la festa veniva celebrata 40 giorni dopo il Natale per ricordare la presenza di Gesù nel tempio di Gerusalemme.

Esisteva anche una tradizione ebraica in cui le madri aspettavano quaranta giorni dopo il parto per purificarsi, fino a quel momento non potevano mostrare il bambino alle autorità religiose, un rituale che veniva fatto con la benedizione di candele di cera.

La festa della Virgen de la Candelaria a Puno arrivò con gli spagnoli durante il vicereame e si diffuse quando si diffuse la devozione nelle cave minerarie del sud del Paese; la Virgen de la Candelaria che porta una candela accesa in una mano e il bambino nell'altra è una tradizione inserita dagli spagnoli dalla Spagna, a Tenerife.

Con il passare del tempo, prima la celebravano i minatori, che commentavano che la Vergine illuminava il loro cammino nelle buie gallerie delle miniere, e a poco a poco la popolazione si è incorporata e ha pregato la Vergine della Candelaria; questo è accaduto perché la maggior parte degli abitanti lavorava nelle miniere durante il Viceregno.

La Virgen de la Candelaria è oggi la patrona di Puno e viene celebrata nelle prime settimane di febbraio, con grandi gruppi musicali, danzatori e molti parrocchiani che arrivano da diverse parti del Paese e anche dall'estero.

Storia della festa della Virgen de la Candelaria

La prima storia che ci viene raccontata è che i monaci non sapevano come fondere la religione cattolica nella regione, dato che all'epoca gli abitanti veneravano il sole e la luna, così misero intorno alla Vergine una corona di splendore e nella parte inferiore una luna; proprio per creare una vicinanza con la religione cattolica e le credenze che i Quechua e gli Aymara avevano di venerare la natura del sole e della luna.

La fusione portò a risultati positivi, poiché gli spagnoli veneravano la Vergine e gli indigeni veneravano l'Inti e la sua Quilla, che sono nomi quechua per il Sole e la Luna; con il tempo questa relazione è stata accettata come tale e con il passare del tempo è stata dimenticata e ora le nuove generazioni venerano solo la Vergine della Candelaria.

La seconda storia che ci raccontano è quando l'esercito peruviano, che continuava la lotta di Tupac Amaru II, affrontò gli spagnoli, ma a causa delle poche persone che stavano combattendo, avevano paura degli spagnoli; è allora che gli abitanti del villaggio decisero di portare la Vergine in processione implorando la sua protezione per tutta la notte, e miracolosamente i nemici abbandonarono il luogo.

L'altra versione racconta che la Vergine apparve a un abitante della zona che si occupava della stalla del suo padrone, situata sulle rive del torrente ai piedi della collina di Huajsapata. Si dice che avesse l'aspetto di una signora molto elegante, con un viso sereno e un bambino in braccio.

La Vergine gli chiese il permesso di lavare i vestiti del figlio nel ruscello, in cambio si sarebbe presa cura del luogo fino al suo ritorno; quando l'indiano tornò con il suo padrone, non potevano credere a ciò che avevano trovato lì, c'era il busto della Vergine, con un vestito bianco, i vestiti ancora bagnati e si convinsero che questo evento era un miracolo.

Santuario della Vergine della Candelaria

Il Santuario della Virgen de la Candelaria fu costruito nel 1669, all'inizio aveva il nome di San Juan come piccola parrocchia della cittadina, e quando fu creato come Villa de San Carlos de Puno il luogo esisteva già e la struttura cambiò.

All'inizio era una cappella per gli aborigeni e con il tempo ha subito alcune modifiche; la sua costruzione era in adobe che è stata restaurata nel 1876, durante questa costruzione è stata realizzata con alcuni dettagli del periodo repubblicano con il frontespizio ogivale francese.

L'edificio presenta anche tre altari in stile gotico, scolpiti in legno con opere scultoree e alcuni dipinti religiosi; nell'altare principale si trova la Virgen de la Candelaria. All'interno della parte posteriore si trova un altro altare principale, dove si trova il Camarín de la Virgen, con più di 100 manti ricamati di diversi disegni, materiali e colori, donati dai suoi devoti parrocchiani per celebrare il suo giorno.

Ogni 2 febbraio si celebra la festa della Virgen de la Candelaria "Patrona di Puno", durante la quale vengono eseguite diverse danze autoctone e un giorno dopo l'ottava, nella parte anteriore dell'atrio si svolge la venerazione della Vergine con le diverse danze in costume di luci.

Gara di danza

Diablada Puno
Diablada Puno

La festa della Virgen de la Candelaria è la più grande celebrazione del Perù e riunisce un gran numero di danzatori, musicisti e spettatori che accorrono in questo luogo. Nello stadio Enrique Torres Belón di Puno si svolge un concorso di danze autoctone.

Tra i balli in gara ci sono:

Diablada (danza emblematica), Sicuris, Chacareros, Llameritos, Yapuchiris, Tinti wacas, Casarasiris, Pinkillada, Tucumanos e altri.

I costumi delle danze sono realizzati con diversi materiali che mostrano la ricchezza culturale ancestrale dei popoli nativi del Perù e sono accompagnati da musica e danze.

Il concorso in costume prevede balli come la morenada, i caporales, la tuntuna e altri gruppi e associazioni di ballo.

Data di celebrazione della festività

La festa della Virgen del Carmen, la più grande del Perù, si celebra nelle prime due settimane di febbraio e il suo giorno centrale è il 2 febbraio, quando partecipano più di 40.000 danzatori e 9.000 musicisti provenienti da tutta la regione e un gran numero di parrocchiani da tutto il Paese.

Curiosità del festival

  • La festa della Virgen de la Candelaria è legata alla Pachamama (madre terra).
  • Si celebra 40 giorni dopo la nascita di Gesù e segna la fine del Natale.
  • Questa festa è una fusione di culti ebraici, cristiani e alcuni pagani dell'isola canaria di Tenerife.
  • Esistono diversi miti sulla preparazione dei tamales, uno dei quali dice che quando i tamales vengono preparati e non vengono cotti, è perché la persona che li ha preparati era triste o piangeva.
  • La tradizione di vestire i bambini da Dio risale all'epoca del viceregno, le suore vestivano i bambini per metterli in chiesa, proprio come faceva la Vergine Maria.
Laissez-nous votre réponse ou si vous avez une question, faites-le nous savoir :
form contacto IT
I nostri partner
Le nostre certificazioni

Invia un messaggio

Compilate il seguente modulo per contattarci

POPUP RESERVA IT