Tierras de los Andes logo

Festival Inti Raymi a Cusco

Home » Festividades del Perú » Festival Inti Raymi a Cusco
Home » Festividades del Perú » Festival Inti Raymi a Cusco
Peru Maravilloso 7 Dias Julio

Inti Raymi 2023 (Festa del Sole), inizia il mese di giugno e Cusco celebra le tre feste più importanti dell'anno: il Corpus Domini, Inti Raymi e il Signore di Qoyllur Ritti.

Dopo due anni di restrizioni a causa del Coronavirus, nel 2023 torna la più importante celebrazione dell'Impero Inca, l'Inti Raymi. In questo articolo vi parliamo dell'Inti Raymi che si celebrerà quest'anno, nonché del passato storico di questa celebrazione millenaria.

Quando si celebra l'Inti Raymi (Festa del Sole) a Cusco?

Garcilaso de la Vega (scrittore e storico peruviano) racconta che l'Inti Raymi era una tradizione religioso-culturale che si celebrava ogni solstizio d'inverno, il 21 giugno, per venerare il sole o Inti in lingua quechua, affinché favorisse i raccolti e garantisse cibo alla popolazione.

Storia di Inti Raymi

Inti Raymi

L'Inti Raymi fu la festa più importante dell'Impero Inca, da quando Pachacutec la istituì nel 1430 per commemorare il Dio Sole al solstizio d'inverno. Sebbene l'Inti Raymi sia stato vietato durante il Vicereame, grazie agli scritti dell'Inca Garcilaso de la Vega è stato ricostruito nel 1944 e da allora viene celebrato ogni anno.

L'Inti Raymi non è più lo stesso di venti o sessant'anni fa, ma è diventato uno dei più grandi festival del Paese, con 100.000 spettatori nel 2019.

Nel 2023, la festa del Sole si terrà in tre sedi: il tempio di Qoricancha, la piazza principale di Cusco e la più importante di Saqsayhuaman.

Sono 800 le persone che parteciperanno alla messa in scena dell'Inti Raymi per rappresentare l'Inca, i suoi Qoyas, le panacas reali e i seguiti dei quattro Imperi Inca.

Si tratta di una celebrazione impressionante, piena di musica e colori, con vere e proprie offerte agli dei ed è la cosa più vicina a vedere i costumi e i rituali Inca.

Festival Inti Raymi a Cusco
Inti Raymi

Il 2020 non è stata la prima volta che l'Inti Raymi è stato cancellato, ma nel 1950 e nel 1970 è stato sospeso a causa dei terribili terremoti di Cusco e Ancash.

Nel rispetto delle misure sanitarie, il parco archeologico di Sacsayhuaman si sta preparando ad accogliere 3.500 spettatori in tre tribune con prezzi che vanno dai 35 ai 140 dollari.

È ovvio che è necessario avere una scheda di vaccinazione con tutte e tre le dosi e una doppia maschera.

Origine incaica di Inti Raymi

L'Inti Raymi era una delle quattro grandi feste che segnavano l'anno solare nell'Impero Inca, occupando sia i solstizi che gli equinozi.

L'Inti Raymi era la festa in onore del Sole che si celebrava a giugno, al solstizio d'inverno. Tuttavia, le cronache ci dicono che si trattava di una piccola festa rispetto al Qhapaq Inti Raymi, che si celebrava a dicembre, al solstizio d'estate, per ringraziare il Sole dell'inizio delle piogge e per chiedere un buon raccolto.

Festival Inti Raymi a Cusco
© David Ducoin www.tribuducoin.com

Si ritiene che l'Inti Raymi sia stato istituito dall'Inca Pachacutec nel 1430 e che la festa potesse durare circa 15 giorni e riunire migliaia di persone che giungevano a Cusco da tutto l'impero.

Si sacrificavano centinaia di lama, si bruciavano foglie di coca, si beveva chicha e si eseguivano danze per ringraziare il Wayna Inti (Giovane Sole) per i raccolti che avrebbero sfamato la popolazione per tutto l'anno.

Questa festa continuò a svolgersi fino al 1572, quando il viceré spagnolo Francisco de Toledo ne proibì la celebrazione, anche se ciò non impedì che si tenesse clandestinamente.

Reinvenzione moderna di Inti Raymi

Le strade di Cusco non videro più l'Inti Raymi fino al 1944 quando, sulla base delle cronache dell'Inca Garcilaso de la Vega, fu realizzata una ricostruzione della festa a Sacsayhuamán. Dal 1943, un gruppo di intellettuali dell'American Institute of Art lavorava alla creazione di un giorno festivo per Cusco.

Così, il 24 giugno fu ribattezzato il Giorno di Cusco e fu ripristinata la festa di Inti Raymi, mentre in precedenza il 24 giugno era celebrato come il Giorno dell'Indiano. Tra tutti i reinventori dell'Inti Raymi, Faustino Espinoza Navarro è il più memorabile, in quanto non solo ha scritto l'intero copione del festival e ne è stato il direttore di scena, ma ha anche recitato per 14 anni consecutivi come Sapa Inca.

Domande frequenti sulla Fiesta del Sol

Che cosa significa Inti Raymi?

L'Inti Raymi, nella sua traduzione dalla lingua quechua, è definito come "Inti = sole, Raymi = festa", ovvero la festa del sole.

Come festeggiavano gli Inca l'Inti Raymi?

Cronisti come Garcilaso de la Vega e Guamán Poma de Ayala descrivono Inti Raymi come la più importante festa Inca.

Garcilaso descrive nel suo libro come erano le offerte, che consistevano in foglie di coca e bicchieri di chicha, vestiti e coperte fatte con le migliori fibre di vigogna, il sacrificio principale era una fiamma nera, considerata sacra, accompagnata da una selezione del miglior mais dell'impero e dei migliori prodotti agricoli portati da tutte le parti dell'impero. Tutti questi doni venivano bruciati in un rituale officiato dal Willaq Umo, il sommo sacerdote di Cusco che guidava il tempio del Sole Qoricancha.

Perché questa celebrazione è importante?

La celebrazione di Inti Raymi è una festa che, oltre a ricreare un'antica cerimonia, è ora un simbolo di identità e di unione con le nostre radici e origini.

Dove posso partecipare all'Inti Raymi?

Ogni anno migliaia di persone di Cusco si candidano ai bandi indetti dal Comune di Cusco, ma solo pochi di coloro che superano determinati requisiti riescono a ottenere un ruolo nell'allestimento dell'Inti Raymi.

Quanti attori mettono in scena la festa del sole a Cusco?

Ci sono più di 500 attori, attrici, ballerini e musicisti, e inoltre sono presenti l'esercito e la polizia peruviani che interpretano il potente esercito Inca.

È possibile filmare o fotografare?

L'Inti Raymi è un grande evento pubblico, quindi è necessario portare con sé la macchina fotografica per scattare le foto e i video migliori.

Cosa portare a Inti Raymi - Suggerimenti?

L'evento si svolge all'aperto, quindi è importante indossare abiti e scarpe comode per la camminata, la protezione solare è essenziale, cappellini e berretti; è inoltre importante ricordare che l'inti raymi dura quasi tutto il giorno, quindi è possibile portare frutta e/o snack; inoltre è consigliabile portare uno zaino con solo il necessario, dato che gran parte dell'evento viene visualizzato a piedi.

Curiosità degli Inti Raymi

  • Le prove dei partecipanti all'Inti Raymi iniziano 2 mesi prima del grande giorno, il 24 giugno.
  • I costumi utilizzati nella presentazione finale sono stati tessuti nella comunità di Chinchero, per una maggiore fedeltà all'Inti Raymi originale.
  • È obbligatorio parlare il quechua, poiché l'intera messa in scena dell'Inti Raymi si svolge in questa lingua ancestrale.
  • Il ruolo di Inca e Qoya, la coppia reale, è molto importante e molto richiesto, quindi la chiamata per questi personaggi inizia tra gennaio e febbraio, 5 mesi prima di Inti Raymi.
  • L'Inti Raymi è il più grande evento del Perù,
Salida Fija Mexico
Déjanos tu respuesta o si tienes alguna pregunta, consultenos.
form contacto
Nuestras certificaciones
Nuestros colaboradores
Footer Terandes